Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 25 marzo 2017 (552) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Haveria carissimo vedervi in questo habito
» UpsidedownTown
» Le fatiche di Ercole
» Pavia nelle carte di chi l’ha resa grande
» Antonio Ligabue
» Our Smiling face. La comunità psichiatrica si racconta
» Soldatini … che passione!
» Raccontami l’amore
» I volti dell'alienazione
» Angelo Elio Barabino: un viaggio attraverso il colore
» Shoah: L’infanzia rubata
» La Pittura Colta e Italo Mussa
» La scrittura dipinta
» Orchidee da scoprire
» Nuovi dialoghi di luce
» Voghera espone Milano...
» C’est la Vie
» Genova per voi, una mostra di Simona Ugolotti
» Le terre promesse di Cesare Angelini
» Un capolavoro in Castello

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I Sensi della Bellezza
» Il tesoro di un povero
» La regola dei pesci
» Pavia riscopre la cultura dell’antico Egitto
» La Voce di Miriam Jaskierowicz Arman
» Ascolta come mi batte forte il tuo cuore
» Divagazioni sul sogno
» Haveria carissimo vedervi in questo habito
» UpsidedownTown
» Le fatiche di Ercole
» Pavia nelle carte di chi l’ha resa grande
» Antonio Ligabue
» I poeti laureandi
» Our Smiling face. La comunità psichiatrica si racconta
» Soldatini … che passione!
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14371 del 12 dicembre 2016 (793) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Civica Scuola di Pittura 1842-1934
La Civica Scuola di Pittura 1842-1934

Prosegue l'opera di ampliamento dei Musei Civici di Pavia, tesa a valorizzare le ricche collezioni e a completare l'allestimento del secondo piano del Castello Visconteo.

Dopo l'apertura della Sezione Scultura Moderna e Gipsoteca (avvenuta in data 31 ottobre 2015), della Collezione Morone e della Sezione dedicata ai Paesaggi del Novecento (in data 21 maggio 2016), domenica 18 dicembre 2016 (alle ore 17.30) inaugurerà la nuova sezione museale, La Civica Scuola di Pittura 1842-1934, allestita nella torre di sud-ovest.
Con l'apertura della sezione dedicata alla Civica Scuola di Pittura di Pavia si aggiunge un nuovo tassello all'importante progetto di ampliamento dell'ultimo piano del Castello Visconteo, teso a valorizzare le collezioni e, in particolare, quelle relative alla pittura dell'Ottocento, fiore all'occhiello dei Musei Civici.

Abbiamo cominciato ad autunno dello scorso anno con l'inaugurazione della Gipsoteca, seguita, in primavera, dal nuovo allestimento della Collezione Morone e dalla Sezione dedicata ai Paesaggi del Novecento. Oggi, la nuova sezione permanente della Civica Scuola di Pittura, allestita nel suggestivo spazio della torre di sud-ovest, completa l'allestimento delle sezioni dedicate al Novecento, in attesa del 2017, quando il nuovo allestimento della Quadreria dell'800 porterà definitivamente a termine l'occupazione e la trasformazione del secondo piano dei Musei Civici, dichiara Susanna Zatti, Direttrice dei Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia.

La Civica Scuola di Pittura di Pavia ha animato il contesto culturale della città per quasi un secolo, dal 1842 al 1934, svolgendo un ruolo significativo nella cultura artistica dell'Italia settentrionale.
Era sorta sul modello prestigioso dell'Accademia di Brera, e aveva accolto e formato, nel corso degli anni, pittori straordinari quali Giacomo Trécourt, Giorgio Kienerk, Federico Faruffini, Tranquillo Cremona e molti altri.
Fondata grazie al generoso legato del filosofo, poligrafo e critico d'arte Defendente Sacchi, la Scuola possedeva anche, a lato delle aule d'insegnamento, una galleria d'arte dove erano raccolti i dipinti esemplificativi delle migliori tendenze dell'arte, da quella romantica a quella scapigliata, dal linguaggio verista a quello simbolista: ritratti, paesaggi, soggetti storici e letterari, scene di genere, donati alla Scuola dagli autori o dai collezionisti e mecenati che gravitavano attorno all'istituzione.
 
L'allestimento prevede un focus sui Maestri che nel corso degli anni si sono alternati nella guida dell'Accademia pavese, mentori e fonte di ispirazione per molti giovani artisti. Si comincia con Giacomo Trécourt, passando per Giovanni Lanfranchi, Pietro Michis, Carlo Sara, fino ad arrivare a Giorgio Kienerk (Firenze 1869 - Fauglia 1948), pittore, scultore, grafico e illustratore postmacchiaiolo, allievo di Adriano Cecioni e Telemaco Signorini, che diresse la Scuola per ben 30 anni, dal 1905 al 1934, rivoluzionando stili e tematiche.
Accanto ai Maestri, sarà esposta una selezione di disegni accademici realizzati dagli allievi - nature morte, studi per nudi, ritratti - e insieme, le opere vincitrici del Premio Frank, che mostrano come cambiarono gli stili e le tematiche nel corso degli anni, passando dai grandi valori della società ottocentesca ad argomenti sempre più liberi, simbolisti e contemporanei.
 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Musei Civici, Castello Visconteo
Indirizzo: Viale XI Febbraio, 35
Quando: da domenica 18 dicembre 2016 a domenica 31 dicembre 2017
Note: Inaugurazione domenica 18 dicembre, ore 17.30

 
 
Pavia, 12/12/2016 (14371)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti